Archivio

Archivio dell'autore

Scaricate Schegge di Liberazione

9 maggio 2011 1 commento

Un libro sulla Resistenza collaborativo e gratuito, pubblicato online il 25 aprile 2011 in licenza Creative Commons. Ecco la versione in formato pdf della copia cartacea :

clicca sull'immagine per scaricare l'ebook

Mentre questa è la versione Outtakes (sempre in formato pdf) con tutti gli extra che non sono stati inseriti per motivi economici e di spazio nella versione cartacea.

clicca per scaricare l'ebook
maggiori informazioni sul progetto: http://scheggediliberazione.wordpress.com/

PS
Sulla versione Outtakes troverete delle mie foto da pagina 232 :-)

A TEANO DIAMOCI UNA MANO PER RICOSTRUIRE L’ UNITA’ d’ITALIA

21 ottobre 2010 Lascia un commento

Il 26 Ottobre del 2010 ricorrono i 150 anni dal celebre incontro tra Garibaldi e Vittorio Emanuele che segnò il passaggio del Mezzogiorno nel Regno d’Italia , guidato dalla famiglia Savoia. Il dono di Garibaldi al Re piemontese ebbe conseguenze nefaste per il futuro di questo paese. Fu un dono unilaterale , senza contropartite, che comportò un costo salato per le popolazioni meridionali e ne provocò la rivolta (leggi : brigantaggio), anche per via delle promesse non mantenute e delle aspettative che il movimento garibaldino aveva suscitato. Lo Stato reagì violentemente , trattò il Sud come una colonia, e ne perse la legittimità anche presso i ceti intellettuali che avevano sostenuto il nostro Risorgimento. Iniziò un processo che portò molti intellettuali e politici meridionali a reclamare l’autonomia(federalismo) per il Mezzogiorno, mentre l’apparato produttivo meridionale subiva i contraccolpi dell’unificazione del mercato nazionale e di una politica che guardava prevalentemente alla nascente industria nel nord-ovest.
Oggi, a distanza di un secolo e mezzo , il Mezzogiorno è ritornato ad essere visto come una palla al piede dello sviluppo italiano. Ma i termini politici della questione si sono invertiti. Non è più il Mezzogiorno che reclama autonomia ed indipendenza, bensì è il Nord che vuole uscire dall’Italia. Il rischio di una secessione “dolce “ è rafforzato dalla pesante crisi economica in corso, dalla stessa messa in discussione della UE, da un processo generale di disgregazione sociale. Il pericolo che questo paese si spacchi in tanti statarelli è reale. Tutte le recenti esperienze di secessione, anche pacifica, hanno fatto registrare un regresso per i lavoratori e portato ad esaltare nazionalismi e xenofobie.

Con tutte le sue contraddizioni noi riteniamo che l’Unità d’Italia sia un valore in sé. Centocinquanta di storia hanno prodotto un profondo interscambio di culture,di storie, nel nostro paese. Le popolazioni del sud, del centro e del nord si sono fuse attraverso milioni di matrimoni misti, e la lingua italiana è oggi largamente praticata dalla stragrande maggioranza della popolazione. Le popolazioni del sud hanno dato un grande e prezioso contributo alla ricchezza economica e culturale di questo paese che deve essere riconosciuto.
Noi riteniamo che questa nostra Italia può ancora salvarsi se capisce che deve rifondare il suo patto sociale su altre basi valoriali e culturali.
sito ufficiale dell’evento:
http://www.versoteano.it
Spettacoli connessi all’evento

Sabato 23 ore 21 “Storie di scorie” spettaocolo teatrale di Ulderico Pesce

Domenica 24 ore 21 “Avanti Pop” concerto spettacolo dei Tetes de bois e svariati artisti

Web 2.0 il libro in licenza Creative Commons

4 giugno 2010 1 commento

Potete sfogliare la versione online clicclando sull’immagine della copertina oppure scaricarne una copia semplicemente registrandovi sul sito.Per tutti coloro che volessero sfogliare la versione cartacea trovano una copia presso la nostra associazione.

Accattatevi il Canemucco

22 maggio 2010 2 commenti

Compratevi il Canemucco , se solo riusciste a trovarlo in edicola dalle nostre parti!Quindi cambio l’invito dicendovi:” Abbonatevi al Canemucco!”. Una copia del primo numero rigorosamente autografata da Makkox in persona potete ammirarla presso la sede della nostra associazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: